Tecnica di massaggio, quello con i coltelli è la novità assoluta!

Una delle ricette vincenti nelle scuole di massaggio presenti su tutto il territorio italiano è quella di proporre tecniche sempre nuove, con l’utilizzo di strumenti diversi da quelli a cui siamo abituati classicamente, perché lo richiede il mercato e perché accanto alle tecniche di base ci sono sempre metodi nuovi da imparare. L’ultima moda, che è anche utilissima alla salute, arriva da Taipei anche se ha radici antiche nelle discipline orientali e si tratta della tecnica chiamata ‘ Knife Massage‘ o ‘Therapy Massage’.

Come dice il nome stesso, tradotto, dall’inglese, si tratta di un sistema originalissimo nel quale le mani invece di agire direttamente sul corpo del paziente impugnano invece affilati coltelli grandi come mannaie che prima del trattamento vengono anche passati sulla pietra per diventare ancora più efficaci.

In realtà il senso del pericolo è tutto nella testa di chi guarda perché questi speciali coltelli sono realizzati con un metallo con non taglia e quindi non provoca in nessun modo ferite. Il corpo di chi si sottopone a questo particolare trattamento viene inizialmente coperto con alcuni asciugamani che lasciano liberi soltanto le mani, i piedi, il naso e la bocca mentre tutto il resto viene imbragato.

Da lì in poi si comincia con una rapida serie di colpi inferti con i coltelli sul corpo, una tecnica che richiede grandissima manualità e che si impara solo in un corso per massaggiatori professionale e non con il ‘fai da te’ oppure sul web.

Il ritmo sincopato dei colpi di coltello sul corpo è costante, viene fatto con cadenze temporali precise e ha sostanzialmente il compito di stimolare la circolazione corporea, dando un’immediata sensazione di benessere.

E anche se si tratta di coltelli molto simili a quelli che in Oriente vengono usati per disossare la carne da portare in tavola, l’impressione visiva è molto più forte di quanto non sia in realtà l’impatto fisico di questo trattamento sul corpo. In sostanza si tratta di una forma estrema di agopuntura, ideale ad esempio per chi soffre di problemi alla cervicale o alla schiena. Una tecnica che in Occidente è arrivata da pochissimo e che solo negli ultimi mesi comincia anche ad essere insegnata nei corsi massaggio professionale.

Ma come nasce questa tecnica così originale? Un metodo antico utilizzato dai monaci orientali per curare quelle malattie che non avevano un rimedio nella medicina tradizionale. Così il rimedio sostitutivo era quello di impugnare due coltelli, uno per mano, e assestare una successione di colpi veloci.. E a fare la differenza, come si insegna anche nei corsi per massaggiatori, è anche lo stesso peso dei coltelli studiato apposta per arrecare beneficio.